Nel tardo pomeriggio di lunedì 20 dicembre, presso il Palazzetto dello sport di Badia Polesine, in chiusura dell’ultimo collegio dei docenti del 2021, l’IIS Primo Levi di Badia Polesine è riuscito a salutare, come si addice ad una grande e affiatata comunità scolastica, i docenti e i collaboratori scolastici che sono andati in pensione nel 2020 e nel 2021, e che l’emergenza sanitaria ha impedito di festeggiare come consuetudine. Tra le restrizione dovute al COVID-19 infatti anche l’impossiilità di convocare in presenza gli organi collegiali, quindi anche il collegio dei docenti, e anche in questo caso forse è stata colta “in extremis” l’ultima occasione, prima di ripiombare nella DAD, cosa che nessuno si augura, dal momento che i suoi disastrosi effetti sono sotto gli occhi di tutti i docenti e non solo, anche a livello nazionale.
Negli ultimi due anni il Primo Levi ha visto ben 22 docenti, 1 collaboratore scolastico e 1 Insegnante tecnico partico, salutare la scuola dopo anni di onorato e impegnato servizio, alcuni di questi hanno lavorato sempre e solo al Levi, seguendone naturalmente tutte le fasi storiche: Sandra Andreotti, Federica Antonioli, Luciana Beghelli, Vitaliana Bianchi, Cristina Bordin, Paolo Bortignon, Angela Boschini, Fabrizio Cavretti, Lauretta Checchinato, Gloria Ferrari, Simonetta Furini, Marina Genesini, Manuela Ghiotti, Paolo Grossi, Carlo Alberto Merlo, Ilaria Mini, Franca Paiatto, Marisa Poli, Silvia Russo, Germana Scuccimarra, Antonio Sturaro e Orvuietta Tosetto.
Un saluto particolare è stato tributato al Dirigente Piero Bassani, che nell’Istituto è stato, nel tempo, docente oltrechè Preside stimato e apprezzato.
L’attuale Dirigente Amos Golinelli ha speso per chi lo ha preceduto parole di grande affetto “nel tempo ho potuto apprezzare in lui il grande amore per la scuola che ha diretto, sempre con passione”. Bassani è stato salutato con un racconto, affettuoso e allo stesso tempo ironico, della Vice storica della sede Balzan, prof.ssa Laura Trivellato, che ha raccontato aneddoti per testimoniare un rapporto di lavoro che è sempre stato permeato da stima reciproca e profonda lealtà.

Bassani ha ringraziato tutti i presenti e, sulle note della canzone di Frank Sinatra “My Way” (sorpresa ben riuscita per lui che aveva confidato di amarla molto), ha ricordato gli anni da Dirigente come un periodo di cui è molto soddisfatto, perché, al di là delle indubbie difficoltà, sa di aver messo l’interesse del suo istituto sempre al centro delle sue scelte. Nel 2020 ha lasciato l’insegnamento anche Innocenzo Marcadella, per tutti IL vicepreside della sede Einaudi, che ha raccontato il suo rapporto d’amore e dedizione con l’Istituto a cui è approdato 40 anni fa, e che non ha mai lasciato, e che ha accudito come un padre.  Nelle parole di Marcadella c’è stato anche il posto per ricordare i colleghi che purtroppo non hanno potuto festeggiare con lui questo momento, tra gli altri Elisa Chieregato, mancata qualche mese fa, e altre amate colleghe tra cui Alice Portolan, Claudia Bulgarelli, Cristina Camozza e Elisabetta Negrini, presenti con commozione nel cuore dei colleghi soprattutto della sede Einaudi.

 beghelli  bianchi furini  genesini    marcadella 
grossi   merlo scuccimarra  tosetto 

c.m.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Carlino_23_12_2021.jpg)Carlino _23_12_2021398 kB
Scarica questo file (LaVoce_27_12_2021.jpg)LaVoce_27_12_2021443 kB
Scarica questo file (RovigoOggi_21_12_2021.pdf)RovigoOggi_21_12_2021828 kB